Indietro

10 novembre 2022

Informazioni aggiuntive relative ai primi 9 mesi 2022

COMUNICATI STAMPA

Webuild: straordinaria crescita dei nuovi ordini. Guidance 2022 confermata

 

  • Ordini acquisiti e in corso di finalizzazione per €13,1 miliardi, raddoppiando il target per l’anno; biennio record con oltre €24 miliardi di nuovi ordini   

  • 86% dei nuovi ordini in mercati core a basso rischio quali Australia, Europa, Italia e Nord America

  • Ruolo centrale nella realizzazione del PNRR coinvolgendo in Italia 16.000 persone e 8.500 imprese della filiera

  • Ulteriori €15 miliardi di progetti finanziati dal PNRR sono attesi andare in gara entro il 2023

  • Confermata la Guidance 2022 

  • 80.000 occupati totali per il Gruppo; 12.000 assunzioni nei primi nove mesi dell’anno

  • Ulteriori sviluppi strategici: raggiunto l’accordo condizionato per l’acquisizione della società australiana Clough, che servirà come piattaforma in un mercato in forte espansione 

 

****

Milano, 10 novembre 2022 – Il Consiglio di Amministrazione di Webuild (Euronext Milan: WBD) ha esaminato alcuni dati e informazioni relativi all’andamento del business da inizio 2022. 

****



L’attività commerciale di Webuild nel corso del 2022 segna un altro anno positivo dopo i risultati ottenuti nel 2021, riflettendo la resilienza del Gruppo, nonostante il complesso scenario macroeconomico, in un settore fortemente esposto a driver di crescita di lungo termine legati ai principali megatrend in atto a livello globale, quali il cambiamento climatico, la crescita demografica, l’urbanizzazione e la scarsità di risorse. Questi megatrend stanno modificando profondamente i bisogni delle persone, influenzando le priorità dei clienti, nella maggior parte enti pubblici, e degli investitori. 

I nuovi ordini acquisiti e in corso di finalizzazione, inclusi i progetti per cui Webuild è risultato miglior offerente da inizio anno, ammontano ad un valore record complessivo di €13,1 miliardi, e comprendono opere complesse e di grande impatto per le comunità di riferimento, come la costruzione del sistema viario tra Bergen e l’isola di Sotra in Norvegia, la realizzazione della Strada A303, vicino Stonehenge, nel Regno Unito, o il progetto ferroviario Inland Rail in Australia. Questi progetti, ed ulteriori aggiudicati in Nord America, Australia e altri paesi dell’Europa Centrale e del Nord, che costituiscono circa l’86% del totale order intake, testimoniano ancora una volta l’impegno concreto del Gruppo ad operare in Paesi a basso rischio.  

In Italia, si è assistito ad un’accelerazione delle gare finanziate dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), con aggiudicazioni a Webuild, nella seconda parte dell’anno, della linea ferroviaria ad alta capacità Palermo – Catania, tratta Nuova Enna – Dittaino, del valore complessivo di €616 milioni, e della nuova diga foranea del Porto di Genova, del valore complessivo a base d’asta di €928 milioni, per riqualificare il porto e renderlo accessibile alle nuove navi portacontainer di grandi dimensioni. Ulteriori €15 miliardi circa di progetti inclusi nel PNRR sono attesi andare in gara entro il 2023. Il Paese rimane quindi centrale nella visione di crescita del Gruppo, con 29 cantieri attivi, 16mila persone all’opera ed una filiera di oltre 8.500 imprese coinvolte.

Nell’ambito della strategia di posizionamento in geografie a basso rischio rientra, inoltre, l’intesa soggetta a condizioni per l’acquisizione della società australiana Clough. Attualmente l’Australia è il secondo più grande mercato di riferimento per Webuild dopo l’Italia, con €8,9 miliardi di portafoglio ordini, inclusi progetti per i quali Webuild è risultato preferred bidder al 30 ottobre 2022. Un mercato in continuo movimento, alimentato dalla realizzazione di progetti iconici, come la Perth Airport Line, conosciuta come Forrestfield – Airport Link, inaugurata dal Primo Ministro Australiano Anthony Albanese il 9 ottobre 2022.

L’importante portafoglio ordini, distribuito in diverse geografie a basso rischio, il consolidamento della leadership nel mercato domestico, nonché il consistente track record di nuovi ordini, consentono di confermare i target di Gruppo per il 2022.   

****

NUOVI ORDINI 

Il totale dei nuovi ordini acquisiti e in corso di finalizzazione da inizio anno ammonta a circa €13,1 miliardi ed include €5,1 miliardi di progetti per i quali Webuild è risultata migliore offerente. Circa l’86% dei nuovi ordini è focalizzato in aree a basso rischio quali Australia, Europa e Nord America. 

Tra i principali nuovi ordini di quest’anno si annoverano:

  • Inland Rail PPP Project, Australia: realizzazione della tratta ferroviaria Gowrie-Kagaru, sezione rilevante del progetto da 1.700km di Inland Rail, che collegherà Brisbane, nello stato del Queensland, a Melbourne, nello stato di Victoria. Il contratto prevede un valore complessivo per la progettazione e la costruzione di oltre 5 miliardi di dollari australiani (€3,27 miliardi), di cui circa €1,3 miliardi in quota Webuild. Il contratto, da eseguire in regime di PPP (Partenariato Pubblico-Privato), prevede anche un periodo di manutenzione per 25 anni, a valle del completamento dell’opera.   Il consorzio Regionerate Rail, partecipato da Webuild, è stato nominato quale preferred bidder dall’Australian Rail Track Corporation (ARTC);
  • Sydney Metro-Western Sydney Airport Project, Australia: realizzazione del lotto Stations, Systems, Trains Operations and Maintenance (SSTOM) del Sydney Metro-Western Sydney Airport Project, in Australia. Il consorzio Parklife Metro, all’interno del quale Webuild detiene una quota del 78% relativo alla parte di progettazione e realizzazione delle opere civili, è stato selezionato come miglior offerente;
  • Sotra Connection PPP Project, Norvegia: progettazione, costruzione e gestione pluriennale di un sistema viario con strade, gallerie e ponti, tra Bergen e l'isola di Sotra. Il contratto in PPP, del valore di 19,8 miliardi di corone norvegesi (€2,0 miliardi), di cui oltre €1 miliardo per le sole attività di progettazione e costruzione, rappresenta il più grande nel settore trasporti nella storia della Norvegia ad oggi. Webuild partecipa al progetto con una quota del 35% del consorzio per l’esecuzione dei lavori di progettazione e costruzione, e con una quota del 10% della società di progetto cui faranno capo anche le attività di Operation & Maintenance. Il progetto è realizzato per conto della Norwegian Public Roads Administration (NPRA);
  • A 303 – Stonehenge Project, Regno Unito: realizzazione del tunnel e dei lavori principali di costruzione della strada A303 per la tratta compresa tra Amesbury e Berwick Down, vicino a Stonehenge. Obiettivo del progetto è salvaguardare il sito Patrimonio dell’UNESCO dall’impatto del traffico. Commissionato da National Highways, il maxi-contratto del valore di £1,25 miliardi (€1,5 miliardi) è stato assegnato al consorzio MORE, partecipato da Webuild con una quota del 42,5%;
  • Linea Autostradale Sibiu – Pitesti – Lotto 3, Romania: realizzazione della tratta più complessa della futura autostrada Sibiu – Pitesti lungo un tracciato di 37,4km di lunghezza, comprensivo di 12,5km di ponti e viadotti e di un tunnel a doppia canna di 1,7km. Commissionato da CNAIR, per conto del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture rumeno, il nuovo contratto del valore di oltre €1 miliardo è assegnato al consorzio partecipato da Webuild (leader, in quota al 90%). Le opere saranno finanziate per l’85% con fondi europei e per il restante 15% con fondi statali;
  • Diga Foranea di Genova, Italia: realizzazione della nuova Diga Foranea del Porto di Genova, opera unica al mondo per la complessità ingegneristica, le dimensioni e il suo carattere “offshore”. Commissionato dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, il contratto, del valore complessivo a base d’asta di €928 milioni, è stato assegnato al consorzio che vede Webuild leader con una quota pari al 40%;
  • Diriyah Square - Package 2 Super-Basement Works, Arabia Saudita: realizzazione di un mega parcheggio multipiano da 10.500 posti a Riyad del valore di €840 milioni circa, sviluppato su tre livelli e tutto in sotterraneo, per un’area di intervento complessiva di circa 1 milione di mq. I lavori, commissionati dalla Diriyah Gate Development Authority, porteranno all’impiego di oltre 9 mila persone;
  • Linea Ferroviaria ad alta capacità Palermo – Catania, Italia: progettazione e realizzazione dei lavori della linea ferroviaria veloce Palermo - Catania, tratta Nuova Enna – Dittaino del valore di circa €616 milioni. Il progetto, commissionato da Rete Ferroviaria Italiana – RFI (Gruppo FS Italiane), sarà realizzato dal Gruppo Webuild, capofila del consorzio con una quota del 70%; 
  • Linea Ferroviaria Cluj – Napoca - Episcopia Bihor, Romania: realizzazione dei lavori del Lotto 4 (tratta Aleşd–Frontiera Ungaria) della linea ferroviaria che collegherà Cluj-Napoca a Episcopia Bihor, in Romania. Il progetto del valore di €490 milioni circa, commissionato da CFR, la compagnia ferroviaria nazionale, sarà finanziato dall’Unione Europea attraverso il PNRR locale. Webuild è leader del consorzio realizzatore (in quota al 50%). L’aggiudicazione diventerà efficace all’esito di tutte le verifiche della procedura di gara;
  • Ontario Line – Lotto RSSOM, Canada: progettazione, realizzazione e manutenzione del materiale rotabile e dei sistemi di segnalamento, comunicazione e sicurezza della nuova Ontario Line, a Toronto. Il contratto in PPP prevede una quota stimata pari a €450 milioni per le opere civili e una quota pari al 10% del consorzio internazionale Connect 6ix, a cui farà capo l’iniziativa. Il financial closing del contratto è previsto entro fine anno;
  • Tyndall Air Force Base, Stati Uniti: progettazione e realizzazione di infrastrutture stradali, parcheggi, impianti elettrici, e altre opere per la ricostruzione della Tyndall Air Force Base a Panama City in Florida. Commissionato dalla U.S. Army Corps of Engineers (USACE), il nuovo contratto del valore di 357 milioni di dollari (€340 milioni) è assegnato al 100% alla controllata Lane;
  • Linea ferroviaria Caransebes – Timişoara – Arad, Romania: progettazione ed esecuzione dei lavori di ammodernamento di circa 14 chilometri di linea ferroviaria tra Timişoara Est a Ronat - lotto 3 - nella Romania occidentale. Commissionato da Compania Naţională de Căi Ferate CFR SA, il contratto del valore di €291 milioni sarà realizzato dal consorzio che vede Webuild come leader in quota al 72,1% con Salcef al 27,9%;
  • Mainline Turnpike, Stati Uniti: ampliamento e potenziamento dei livelli di sicurezza di una sezione di 11 chilometri della Mainline Turnpike, una delle principali arterie autostradali della Florida. Commissionato dalla Florida’s Turnpike Enteprise (FDOT), il nuovo contratto del valore di 233 milioni di dollari (€212 milioni) è assegnato al 100% alla controllata Lane;
  • I-275/I-4 Downtown Interchange, Stati Uniti: progettazione e realizzazione di interventi per migliorare i flussi di traffico e la sicurezza della tratta autostradale I-275/I-4 Downtown Interchange a Tampa in Florida. Commissionato dal Florida Department of Transportation (FDOT), il nuovo contratto del valore di 223 milioni di dollari (€212 milioni) è assegnato al 100% alla controllata Lane;
  • Impianti per il trattamento delle acque, Paraguay: realizzazione di tre impianti per il trattamento delle acque per l’industria della cellulosa sul Rio Paraguay, nei pressi della città di Concepción. Il contratto del valore di $144 milioni (€144 milioni circa) è stato vinto dalla controllata Fisia Italimpianti. L’avvio dei lavori, commissionati da Paracel S.A., è previsto nel primo semestre 2023.

 

****

PIPELINE COMMERCIALE 

La pipeline complessiva delle attività commerciali del Gruppo ammonta a circa €45,2 miliardi ed include gare presentate ed in attesa di aggiudicazione per circa €11,3 miliardi. Di seguito la ripartizione per categoria e per area geografica della pipeline commerciale: 

        

Webuild Risultati 9M 2022 - Attività commerciale

Webuild ha continuato a monitorare i mercati core, tra cui alcuni paesi dell’Europa Centrale e del Nord, Australia e Nord America, che hanno lanciato importanti piani di sviluppo infrastrutturale. Tali paesi costituiscono circa il 75% della pipeline commerciale complessiva del Gruppo. 

****

ACQUISIZIONE DELLA SOCIETÀ CLOUGH LIMITED (“CLOUGH”)

In data 8 novembre 2022, Webuild ha raggiunto un’intesa, soggetta a condizioni, con Murray & Roberts per l’acquisizione della società australiana Clough.

Clough, tra le principali aziende del paese, fornisce soluzioni innovative e sostenibili nella progettazione, realizzazione e manutenzione di impianti e infrastrutture a servizio dei settori energy, materie prime ed infrastrutture. La società target riporta un backlog ordini e preferred bids di circa €4,8 miliardi, ricavi per €1 miliardo ed un bilancio privo di debito finanziario per l’esercizio 2022. L’operazione è strategica per Webuild in quanto permetterebbe di rafforzare la presenza del Gruppo nel paese attraverso acquisizione di scala, competenze e forza lavoro. La combinazione di Webuild e Clough consentirebbe inoltre di beneficiare di significative sinergie operative e commerciali.

L’accordo è condizionato, tra le altre cose, all'esito positivo delle attività di due diligence, già in corso, e che hanno come oggetto sia la verifica delle previsioni economiche e finanziarie che sono state fornite a Webuild nel corso della trattativa sia i consueti aspetti legali, contabili fiscali ed operativi. Per maggiori dettagli (cfr. comunicato stampa del 8 novembre u.s.).

****

EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE 

Il Gruppo ha dimostrato, da inizio anno a oggi, una forte resilienza e solidità nonostante le tensioni geopolitiche e l’incremento generalizzato dei prezzi delle principali materie prime. 

Per fronteggiare quest’ultimo aspetto, il Gruppo sta continuando ad avvalersi, a livello internazionale, di clausole di mitigazione dei rischi previste nei contratti redatti secondo gli standard “FIDIC”; mentre in Italia, con il Decreto Aiuti  sono stati stanziati oltre €11 miliardi fino al 2027 a copertura delle compensazioni per l’adeguamento prezzi, a supporto dei progetti in corso e delle nuove gare. 

Al netto di effetti ad oggi non prevedibili, derivanti dalla complessità del contesto attuale, l’execution dei progetti in corso, l’importante portafoglio ordini e la crescente domanda nei mercati core di infrastrutture sostenibili consentono di confermare la Guidance finanziaria per il 2022:  

  • Book to bill: >1,0x medio nel periodo 2022-24;
  • Ricavi: €7,0 -7,5 miliardi, coperti interamente dall’attuale backlog;
  • Ebitda margin: 7-7,5%, supportato dal processo di efficientamento dei costi già in atto;
  • Posizione finanziaria netta positiva (cassa netta).

 

****

Disclaimer 

Questo comunicato stampa contiene dichiarazioni previsionali ("forward-looking statements"). Queste dichiarazioni sono basate sulle attuali aspettative e proiezioni del Gruppo relativamente ad eventi futuri e, per loro natura, sono soggette ad una componente intrinseca di rischiosità e di incertezza. Sono dichiarazioni che si riferiscono ad eventi e dipendono da circostanze che possono, o non possono, accadere o verificarsi in futuro e, come tali, non si deve fare un indebito affidamento su di esse. I risultati effettivi potranno differire in misura anche significativa rispetto a quelli annunciati in relazione a una molteplicità di fattori, tra cui: la volatilità e il deterioramento dei mercati del capitale e finanziari, variazioni nei prezzi delle materie prime, cambiamenti nelle condizioni macroeconomiche e nella crescita economica ed altre variazioni nelle condizioni di business, di natura atmosferica, per inondazioni, terremoti o altri disastri naturali, mutamenti della normativa e del contesto istituzionale (sia in Italia che all’estero), difficoltà nella produzione, inclusi i vincoli nell’utilizzo degli impianti e nelle forniture e molti altri rischi e incertezze, la maggioranza dei quali è al di fuori del controllo del Gruppo.


 

Allegati

2022 11 10 - 17:50

Informazioni aggiuntive relative ai primi 9 mesi 2022

Materiale informativo - Progetto Ponte sullo Stretto di Messina
(*) Informazioni obbligatorie