I siti del Gruppo Webuild
Scopri tutti i siti del Gruppo Webuild: un ecosistema digitale che racconta il mondo che abbiamo costruito in 117 anni di storia
Webuild AustraliaWebuild Romania
Seguici sui canali social

Le pagine più ricercate





I siti del Gruppo Webuild
Scopri tutti i siti del Gruppo Webuild: un ecosistema digitale che racconta il mondo che abbiamo costruito in 117 anni di storia


Indietro

19 ottobre 2022

Webuild: premiato il Ponte di Braila in Romania come migliore opera in calcestruzzo strutturale

NOTE STAMPA

  • AICAP, Associazione Italiana del Calcestruzzo Armato e Precompresso, premia il secondo ponte sospeso più lungo d’Europa Continentale

  • Premiata l’eccellenza e l’innovazione nella progettazione e costruzione di strutture in calcestruzzo 

 

Milano, 19 ottobre 2022 – Il Ponte di Braila in Romania, realizzato da Webuild alla guida di una joint venture internazionale, ha ottenuto il Premio AICAP, che promuove l’eccellenza italiana nel mondo nell’impiego del calcestruzzo strutturale. Ad annunciarlo è stata AICAP, l’Associazione Italiana del Calcestruzzo Armato e Precompresso, la più importante del settore in Italia, che ha consegnato il diploma di eccellenza nel corso della Italian Concrete Conference (ICC) 2022. In concorso, opere eseguite in Italia o all’estero con progettazione “Made in Italy”, che si sono distinte negli ultimi due anni per un uso innovativo e rilevante del calcestruzzo. 

Il Ponte di Braila, opera di ingegneria complessa studiata per l’attraversamento del Danubio, è il secondo ponte sospeso più lungo dell’Europa Continentale. Ha una lunghezza complessiva di 1.975 metri, una campata centrale di 1.120 metri ed è dotato di 4 corsie di marcia, con corsie di emergenza, piste ciclabili e pedonali. 

A determinarne la proclamazione a vincitore del Premio AICAP 2022, le torri e la complessità e le dimensioni dei blocchi di ancoraggio che legano il ponte alla terra. Le torri sono state realizzate in calcestruzzo ad alta resistenza, con altezza variabile sulle due sponde del Danubio, che raggiunge una quota massima di 192 metri sul livello del mare. I blocchi di ancoraggio, studiati per far fronte alle particolari condizioni geotecniche dei terreni su cui sono ancorati, hanno un diametro di 47 metri e una profondità di 31 metri: dimensioni rare, seppure già impiegate in ambito internazionale, ad esempio per il Ponte di Akashi in Giappone, secondo ponte sospeso più lungo al mondo. Determinanti per il riconoscimento AICAP, anche l’accuratezza e l’attenzione all’estetica adottate per la realizzazione delle strutture.

Caratteristiche che hanno contribuito a fare emergere la nuova infrastruttura nel confronto con le altre opere rilevanti in concorso, tra cui un ponte strallato ferroviario sul fiume Anji, in India, di 290 metri di luce.

Dal Ponte Genova San Giorgio in Italia al Terzo Ponte sul Bosforo in Turchia, fino al viadotto e al ponte dello skytrain di Sydney, sono tanti i ponti iconici costruiti da Webuild nel mondo, da sola o in joint venture. Progetti di eccellenza, spesso premiati per le sfide ingegneristiche affrontate, che hanno contribuito a migliorare le interconnessioni e i collegamenti dei territori attraversati, migliorandone anche la mobilità sostenibile. Il track record del Gruppo Webuild include ad oggi quasi 1.000 chilometri di ponti e viadotti, l’equivalente di un unico grande ponte che idealmente potrebbe collegare Parigi a Berlino.

Allegati

2022 10 19 - 12:44

Webuild: premiato il Ponte di Braila in Romania come migliore opera in calcestruzzo strutturale

Materiale informativo - Progetto Ponte sullo Stretto di Messina
(*) Informazioni obbligatorie