Indietro

19 aprile 2023

Webuild: Presidente Regione Puglia Michele Emiliano visita cantiere dell’Ospedale di Monopoli-Fasano

NOTE STAMPA

Termine lavori previsto per fine luglio, completato 82% delle opere

Ospedale green e realizzato all’insegna di sostenibilità ed efficientamento energetico che servirà un bacino di 260 mila persone

 

Monopoli, 19 aprile 2023 – È entrato nella fase finale il cantiere dell’Ospedale di Monopoli-Fasano, il nuovo polo di eccellenza sanitaria del Sud Italia che Webuild sta realizzando in Puglia, visitato oggi dal Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Il termine lavori è previsto a fine luglio, con un avanzamento progressivo delle opere che ha raggiunto l’82%: ultimate le opere strutturali e i rivestimenti esterni, si lavora per finalizzare opere edili interne e tutte le finiture e gli impianti. 

"Il nuovo ospedale di Monopoli è un’opera cominciata solo quattro anni fa, è il primo dei nuovi ospedali che stiamo realizzando in tutta la Puglia, che mi auguro diventerà operativa nel tempo più breve possibile. Un ospedale bellissimo, inserito nel patrimonio paesaggistico della Puglia, sotto la collina di Monopoli su un’area con ulivi secolari, che diventerà un riferimento per l’intero territorio”, così il Presidente Michele Emiliano a margine della visita. 

La struttura garantirà il potenziamento della capacità di offerta ospedaliera di tutta la Regione, di cui potranno beneficiare 260 mila potenziali utenti provenienti da Fasano e Monopoli, ma anche dai comuni del sud barese, del nord brindisino e del tarantino. Commissionato da ASL Bari e Regione Puglia, il nuovo ospedale renderà disponibili 299 posti letto e 9 sale operatorie, con tutte le principali discipline mediche e chirurgiche, le relative terapie intensive, i servizi ambulatoriali e diagnostici di supporto, pronto soccorso ed elisoccorso, su una superficie complessiva di 178 mila metri quadrati. Il progetto prevede anche il recupero di un edificio che verrà adibito ad asilo per i figli dei dipendenti.

Realizzato in collaborazione con il Progettista Architettonico Arch. Albert De Pineda, l’opera è stata concepita come un vero e proprio “ospedale in un parco”, inserito in una vasta piana di ulivi che armonizzano la struttura con l’ambiente circostante. 

Una struttura all’avanguardia costruita all’insegna dell’efficientamento energetico e della sostenibilità con l’obiettivo di raggiungere la sostanziale decarbonizzazione dell’ospedale. Previsto l’utilizzo di tecnologie sostenibili e materiali innovativi, dai criteri di progettazione bioclimatica adottati (accumulo e trasformazione energia solare ed acque piovane), all’installazione dell’impianto fotovoltaico, alla combinazione di materiali tradizionali e contemporanei (pietra, legno e acciaio), al recupero di lavorazioni artigianali reinterpretate per la produzione industriale.

La progettazione impiantistica è stata ispirata da solidi criteri di risparmio energetico, con la scelta di materiali eco-compatibili e laddove possibile di origine locale. Le soluzioni costruttive e tecnologiche sono state sviluppate per ottimizzare l’efficienza energetica della struttura, prevedendo la produzione energetica ad alta efficienza con utilizzo di energie rinnovabili, il riuso delle acque piovane per l’irrigazione, la regolazione flessibile del funzionamento degli impianti.

L’installazione dell’impianto fotovoltaico permette un risparmio del 30% sui consumi elettrici e il sistema di raccolta e riutilizzo acque piovane consente un risparmio del 50% sull’utilizzo di acqua potabile a scopi di irrigazione e servizi igienici.

Webuild è fortemente impegnato nel Sud Italia, dove sta realizzando 16 progetti che vedono già oggi coinvolte circa 4.400 persone, tra diretti e di terzi, con una filiera di oltre 3.800 fornitori diretti da inizio lavori. Tra i progetti più impegnativi in corso, quattro tratte della linea alta velocità/alta capacità Napoli-Bari (Napoli-Cancello, Apice-Hirpinia, Hirpinia-Orsara, Orsara-Bovino), che consentirà di abbattere i tempi di percorrenza tra la Campania e la Puglia, quattro tratte sulla direttrice ferroviaria Palermo-Catania-Messina (Bicocca-Catenanuova, Nuova Enna-Dittaino, Fiumefreddo-Taormina/Letojanni, Taormina-Giampilieri) e il Maxi Lotto 3 della Strada Statale Jonica SS-106, che collegherà i litorali ionici di Calabria, Basilicata e Puglia.
 

Allegati

19/04/2023 - 16:12

Webuild: Presidente Regione Puglia Michele Emiliano visita cantiere dell’Ospedale di Monopoli-Fasano

Materiale informativo - Progetto Ponte sullo Stretto di Messina
(*) Informazioni obbligatorie